Indietro

25/09/18

Indennità mensile di frequenza


Indennità mensile di frequenza

L’indennità di frequenza, istituita dalla legge n. 289/1990, è una prestazione economica, erogata dallo Stato, a sostegno dell’inserimento scolastico e sociale dei ragazzi con disabilità fino al compimento del 18° anno di età.
L’indennità di frequenza è stata istituita con l’obiettivo di salvaguardare le esigenze formative e di assistenza di minori colpiti da patologie invalidanti e appartenenti a nuclei familiari che versino in disagiate condizioni economiche.
Per avere diritto a tale indennità, difatti, è necessario avere un reddito non superiore alle soglie previste annualmente dalla legge.

«L’indennità di frequenza consiste in un sostegno economico alle famiglie dei minori, allo scopo di garantire agli stessi cure riabilitative, l’istruzione scolastica, una formazione professionale» - Cassazione civile, sezione lavoro, 09.03.2010, n. 5717.

Hanno diritto all’indennità di frequenza i cittadini minori di 18 anni ipoacusici o con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell’età, che soddisfano i requisiti sanitari e amministrativi previsti dalla legge.
Ed invero, l’indennità di che trattasi spetta ai minori che frequentano scuole pubbliche o private di ogni ordine e grado a partire dagli asili nido, o i centri, pubblici o privati, purché operanti in regime convenzionale, specializzati nel trattamento terapeutico e nella riabilitazione e recupero di persone portatrici di handicap.

Per l’anno 2018 l’importo della indennità di frequenza è pari a € 279,47 mensili.

La domanda si può presentare online attraverso il portale Inps o tramite gli Enti di Patronato, tra i quali il Nostro Ufficio, che si occuperà di seguire tutte le fasi necessarie per richiedere il beneficio.



Scritto da: DD
Condividi la news: